La nuova legge di stabilità 2016 conferma i precedenti bonus relativi alle abitazioni e ne aggiunge di nuovi:

  • il bonus ristrutturazione, che prevede una detrazione del 50% sulle spese per gli interventi. I costi sostenuti per gli interventi di ristrutturazione sono detraibili al 50% dall’Irpef, in 10 quote annuali dello stesso importo, sino ad un limite massimo di 96.000 Euro.
  • Il bonus mobili, che prevede una detrazione del 50% del costo di arredi e grandi elettrodomestici,
  • l'ecobonus, che prevede una detrazione del 65% dei costi per interventi di miglioramento dell’efficienza energetica.
  • il bonus mobili giovani coppie, che è collegato non alla ristrutturazione, ma all’acquisto della prima casa per coppie, anche conviventi, in cui almeno un soggetto sia under 35; è prevista una detrazione del 50% dall’Irpef, anche in questo caso, ma con un tetto massimo di spesa raddoppiato, sino a 20.000 Euro;
  • il bonus, al 65%, per adeguamenti e messa in sicurezza degli edifici, nelle zone a rischio sismico 1 e 2.

Le opere agevolabili sono relative a lavori per immobili esistenti, deve trattarsi di interventi di: manutenzione ordinaria (per le parti comuni dell’edificio), di manutenzione straordinaria, ristrutturazione edilizia o recupero e risanamento conservativo.  

Sono detraibili oltre alle spese dei lavori anche i costi di progettazione e le prestazioni professionali.

Per quanto riguarda il bonus di ristrutturazione rientrano i seguenti lavori: impianto idraulico ed elettrico, le inferriate, i soppalchi, le pareti interne ed esterne, le scale e l'ascensore, l'opera di cablaggio, le porta blindate e gli impianti di allarme, l'allargamento di porte e finestre, la pavimentaazione esterna; il rifacimento della facciata e gli intonaci esterni, la canna fumaria, i citofoni/videocitofoni e le telecamere, la caldaia, i caloriferi e i condizionatori, l'abbattimento delle barriere architettoniche; i lavori per balconi e verande, il box auto ed il contenimento dell’inquinamento acustico.

Per quanto riguarda l'Eco Bonus (detrazione Irpef del 65% dei costi sostenuti per migliorare le prestazioni energetiche di un immobile) è valida fino a un limite massimo di 100.000 Euro, per gli interventi di riqualificazione energetica globale. 

Per quanto riguarda il bonus mobili, i mobili compresi nell’agevolazione sono: i grandi elettrodomestici (frigorifero, congelatore, lavastoviglie, forno, lavatrice e asciugatrice), i componenti della cucina, i mobili contenitori per il bagno e gli arredi di uso quotidiano (armadi, letti, sedie, tavoli, mensole, cassettiere…).

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Per rimanere sempre aggiornato sulle novità del mondo immobiliare iscriviti alla nostra newsletter.

Seguici su:

FacebookTwitterGoogle Bookmarks

Sezioni del Blog: