E' di maggio la notizia, certificata dai dati dell’Agenzia delle entrate e dal Gruppo Tecnocasa, e diffusa dalle maggiori testate nazionali, che sono in calo i prezzi del mercato immobiliare, mentre oscillano le compravendite.

Nel 2014 i prezzi, a livello nazionale, sono scesi del 7,2%.

Più in dettaglio nelle grandi città la riduzione è stata del 4,2% e del 4,6% nei capoluoghi di provincia; i dati sulle compravendite immobiliari sono invece altalenanti, se nel corso dello scorso anno hanno segnato un aumento del 3,6% rispetto ai dodici mesi precedenti, raggiungendo così quota 417.524, nel primo trimestre 2015 segnano, invece, una diminuzione del 3,4% rispetto allo stesso periodo del 2014. A dirlo è l'Agenzia delle entrate nella sua nota trimestrale relativa proprio al mercato immobiliare. Stando ai dati raccolti dall'Agenzia delle entrate, la flessione più marcata si registra nel settore produttivo (-7,1%), terziario (-6,4%) e commerciale (-5,2%), mentre il mercato delle abitazioni segna un calo tendenziale del 3%. Sono tuttavia in aumento, secondo il Crif, le richieste di mutui per gli immobili, che hanno visto crescere nel mese di aprile la domanda del 70%.

Ancora in calo, invece, la costruzione di immobili. 

Tornando alle compravendite di immobili, per quanto riguarda il 2015 si osserverà un rallentamento nella caduta dei prezzi, fino al biennio 2016-2017 quando i prezzi raggiungeranno una certa stabilità.

Per approfondire clicca qui e clicca qui.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Per rimanere sempre aggiornato sulle novità del mondo immobiliare iscriviti alla nostra newsletter.

Seguici su:

FacebookTwitterGoogle Bookmarks

Sezioni del Blog: